Cagliari Futsal - Official Website

NEWS - Si avvicina il match verità. Cagliari-Aosta vale una stagione

Pubblicazioni

NEWS

Si avvicina il match verità. Cagliari-Aosta vale una stagione

Pubblicato il: 31/03/2016 - 21:40
Scritto da: Ufficio Stampa - Matteo Piga
Stampa Articolo


Tutto in una sera. Il Cagliari Futsal è all’esame di matematica e sulla strada c’è l’Aosta in quello che rappresenta il vero scontro salvezza. Ultima giornata di campionato, ultima chiamata per i ragazzi di Cocco per evitare le insidie della post season. Manca poco al big match che vale una stagione e i rossoblu si preparano all’attesa sfida del PalaConi. Anche le tribune si preparano ad accogliere i tifosi per la gara più attesa, fischio d’inizio ore 16, per quella che potrebbe essere una festa. Smaltiti i problemi contro Pesaro, prima, e Arzignano, poi, il Cagliari prova a vendicare la sconfitta dell’andata proprio nel match più importante. Fuori Rugama per questo finale di stagione, per l’infortunio al ginocchio, il Cagliari è riuscito a preservare la rosa dalle diffide e si giocherà le sue carte contro un Aosta che, nonostante i playout già matematici, proverà a fare lo sgambetto ai rossoblu. Gli aostani arrivano da tre sconfitte di fila, tutte dopo aver subito sei reti (Imola, Arzignano e Prato), ma se con 125 gol subiti sono la peggior difesa del campionato, saranno comunque ostici in zona gol, dove sono da tenere a bada i due bomber della squadra: De Lima e Ribeiro con 18 e 16 gol all'attivo. Ma se i numeri non sono dalla parte degli ospiti, il Cagliari non vuole abbassare la guardia anche ricordando la sconfitta dell’andata (6-5). Proprio per questo servirà una gara perfetta, quella che serve in questi casi dove l’unico obiettivo è la vittoria che vuol dire salvezza. L’obiettivo è alla portata e si chiude come si era iniziato, con il messaggio del capitano. Lui ne ha viste tante, dai momenti di gioia alle difficoltà, e proprio in questi casi i rossoblu si aggrapperanno alla sua esperienza. Gigi Asquer è pronto per la gara che vale una stagione.

Sabato sfida della verità. Che aria si respira?
È una situazione particolare. I tanti infortuni ci stanno penalizzando e non riusciamo ad allenarci bene. Quando si è così contati è difficile concentrarsi e non è facile allenarsi. Ma siamo davanti a una partita fondamentale e questo sarà lo stimolo decisivo. Vogliamo vincere.

Eppure sabato potrebbe anche essere ininfluente il risultato se Milano vincesse contro Carmagnola.   

È vero, potrebbe anche arrivare qualche buona notizia dagli altri campi. Ma noi saremo concentrati per vincere la nostra. Dal campo poi non si ragiona su queste cose e si pensa solo alla partita. Anche se è vero che ogni tanto l'orecchio va alla panchina per capire cosa succede dalle altre parti.


Quale potrà essere la chiave del match?
Entrare in campo concentrati per fare la nostra partita. Se saremo sereni e consapevoli dei nostri mezzi sono convinto che porteremo a casa la partita. Queste sfide si devono affrontare come l'ultima spiaggia.

Come arrivate alla sfida?

Purtroppo abbiamo molte difficoltà soprattutto numeriche. Se ci mettiamo i troppi infortuni e la rosa stretta non partiamo avvantaggiati. Però per noi è troppo importante vincere questa gara perché vogliamo una salvezza tranquilla e non arrivare a disputate i playout. Da un lato perché non c'è lo meritiamo e poi perché se arriviamo a quel punto potrebbero sorgere altri problemi a cominciare dalla stanchezza, fisica e mentale.

All’andata Aosta era ultimo e sembrava spacciata con 8 sconfitte e una sola vittoria. Invece vinse contro il Cagliari e ora provano a salvarsi. Che squadra sono? 

Sono giovani e anche se un po' inesperti non dovremo sottovalutarli. All'andata fu una gara particolare perché abbiamo avuto tanti problemi di adattamento al campo e non si poteva stare in piedi. Queste difficoltà ci avevano penalizzato. Adesso sarà tutto diverso.

C'è il rischio che la tensione giochi brutti scherzi? È già capitato?

No la tensione ora non la sentiamo. È capitato un momento della stagione dove eravamo poco lucidi, a ridosso di Natale, e abbiamo subito un calo ma è inevitabile che arrivino questi momenti. Forse a causa della stanchezza. Quando giochi tante partite è normale che ci sia un calo. Figuriamoci noi con i problemi di rosa. Poi questo è stato un  campionato molto livellato verso l'alto e molto difficile. Ma abbiamo dimostrato di giocarcela con tutte alla pari. 

Che messaggio dai ai tifosi per sabato?

Venite al campo perché abbiamo bisogno di voi per l'ultimo sforzo. I tifosi sono l'arma in più e per vincere c'è tanto bisogno di loro.

Torna all'elenco NEWS